Posted by : Marianna Basileo ottobre 31, 2012

P. A. Renoir – La lettrice (1876)
Dopo un viaggio in terra francese, la mia impressione è stata più o meno questa: in Francia si legge sempre e ovunque! 

Se il mercato del libro, cartaceo ma anche digitale, subisce una profonda crisi in terra italiana e anche oltreoceano, la Francia sembra essere ancora un'isola quasi felice. 

Nel 2011, circa 26 milioni gli italiani hanno letto almeno un libro, con un calo di 723mila unità rispetto al 2010. In sostanza, nel 2010 gli italiani (di età superiore a 6 anni) che hanno letto almeno un libro nel corso dell'anno erano il 46,8% della popolazione, mentre nel 2011 sono scesi al 45,3%. Il confronto con gli altri paesi è sconfortante! Gli spagnoli che hanno letto almeno un volume sono il 61,4%, i francesi il 70%, gli americani il 72% e i tedeschi l'82%.  

Tralasciando i dati strettamente statistici ed economici, dai quali la situazione del mercato del libro e della lettura emerge con molta chiarezza, vorrei soffermarmi sulla mia esperienza personale.



Quante volte avrò preso l'autobus, il tram o la metro in Italia? Sicuramente moltissime! Nonostante ciò non ho avuto mai la sensazione di essere circondata dai libri come invece mi è accaduto in Francia. 
Alla fermata del tram? Si legge. Libri cartacei (molti), giornali (molti anche perché distribuiti gratis), fotocopie di testi scolastici (un po' meno). 
Il bello viene quando si sale sul tram. Vi lascio immaginare una fila di persone che (ordinatamente) salgono sul tram (in genere non troppo pieno perché ne passano ogni 3 minuti circa) con un libro davanti al naso. Nessuno smette di leggere, neppure se non c'è posto a sedere! Nessuno stacca gli occhi dalle pagine!

Saranno i tram francesi a stimolare il desiderio di leggere? Non so. Sicuramente anche la stazione, i treni a lunga percorrenza e gli aeroporti! In quest'ultimo caso, in più, troviamo i lettori di e-book. Sui mezzi pubblici ho visto pochissimi ebook reader rispetto alla quantità di libri cartacei mentre all'aeroporto la proporzione aumenta. Molto probabilmente questo avviene perché l'ebook reader è sicuramente più comodo per chi affronta un viaggio in aereo: leggerezza, dimensioni e memoria interna (e online) lo rendono un supporto perfetto per la lettura "in mobilità"!

A parte i luoghi in cui si "aspetta", come aeroporti e fermate dell'autobus o del tram, mi ha colpito positivamente la presenza di mercatini di libri usati (in buono stato) venduti a 20centesimi e quella di librerie e biblioteche immense! Certo, anche in Italia abbiamo luoghi simili anche se, in particolare nelle librerie, la sezione "libri" la vedo sempre meno frequentata rispetto a quella cd/dvd. 

Libreria Gibert Joseph (Montpellier)


Vendita di libri sia nuovi che usati. Con 20 cent ci si porta a casa un bel libro

Fnac (Montpellier)












Perché in Italia si legge più poco di Spagna, Francia, Germania e Stati Uniti? Perché uno strumento come l'ebook, comodo, trasportabile e più economico del libro cartaceo stenta a decollare?

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega all'Editoria, Paolo Peluffo, inaugurando il Punto Italia alla Fiera Internazionale del Libro, a Francoforte, ha dichiarato: "viviamo nella società dell'informazione e l'economia della conoscenza è divenuta, negli ultimi anni, il principale motore della globalizzazione. Potremmo essere competitivi solo se il libro tornerà ad essere al centro della vita di ciascuno di noi". "Le norme, le agevolazioni fiscali e i contributi economici - ha continuato Peluffo - sono importanti ma serve una grande azione sinergica di tutti gli attori della filiera. Dobbiamo portare i libri nelle scuole, nelle famiglie, in tutti i luoghi di ritrovo delle persone".
Inoltre, "sulla scia della campagna di comunicazione sulla lettura promossa da questo Governo nelle prossime settimane - ha annunciato il sottosegretario - proporrò l'istituzione di una task force sul libro, un gruppo di lavoro interministeriale che adotti tutti le misure necessarie a sostenere e promuovere la lettura, nella scuola e nelle università, innanzitutto".

Funzionerà?!!

Nota: se vi va di leggere dei miei viaggi, dei miei incontri, delle mie amicizie intorno al mondo ... fate un giro sul mio blog di viaggi  Lonris. Vi aspetto!!!


Leave a Reply

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

- Copyright © Booksfollia - Hatsune Miku - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -