Posted by : Marianna Basileo febbraio 18, 2012

La scelta del "prossimo" libro da leggere è sempre molto ardua, e spesso tendiamo a farci influenzare da fattori esterni al libro stesso come la cover, le recensioni, i premi vinti dal testo o dall'autore.
Sembra, invece, che un buon metodo per stabilire in anticipo se un libro sarà all'altezza delle nostre aspettative sia quello di leggere la pagina 99. Vi sembra strano?
L'idea si basa sul fatto che scrivere un incipit interessante e affascinante non sia poi un'operazione così difficile come quella di mantenere (e rinnovare) l'interesse del lettore, di pagina in pagina, fino alla fatidica 99. Del resto, questo metodo ha anche dei sostenitori famosi come Ford Madox Ford, scrittore inglese del 900: "open the book to page 99, and the quality of the whole will be revelated to you" ossia "apri il libro a pagina 99 e leggi: ti verrà svelata la qualità di tutto il testo".
Ovviamente, questo metodo ha un che di bizzarro e molti potrebbero trovarlo riduttivo, ma è pur sempre un metodo, applicabile soprattutto quando si vaga nell'indecisione totale.

La pagina 99 di questa settimana

" Sì, ma a quale dei miei impegni rubare quest’ora di lettura quotidiana? Agli amici? Alla tivù? Agli spostamenti? Alle serate in famiglia? Ai compiti?
Dove trovare il tempo per leggere?
Grave problema.
Che non esiste.
Nel momento in cui mi pongo il problema del tempo per leggere, vuol dire che quel che manca è la voglia. Poiché, a ben vedere, nessuno ha mai tempo per leggere. Né i piccoli, né gli adolescenti, né i grandi. La vita è un perenne ostacolo alla lettura.
“Leggere? Vorrei tanto, ma il lavoro, i bambini, la casa, non ho più tempo…”
“Come la invidio, lei, che ha tempo per leggere!”
E perché questa donna, che lavora, fa la spesa, si occupa dei bambini, guida la macchina, ama tre uomini, frequenta il dentista, trasloca la settimana prossima, trova tempo per leggere e quel casto scapolo che vive di rendita, no?
Il tempo per leggere è sempre tempo rubato. (Come il tempo per scrivere, d’altronde, o il tempo per amare.)
Rubato a cosa?
Diciamo, al dovere di vivere.
È forse questa la ragione per cui la metropolitana - assennato simbolo del suddetto dovere - finisce per essere la più grande biblioteca del mondo.
Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere.
Se dovessimo considerare l’amore tenendo conto dei ... "

"Come un romanzo" (Daniel Pennac)
La mia recensione qui

Leave a Reply

Subscribe to Posts | Subscribe to Comments

- Copyright © Booksfollia - Hatsune Miku - Powered by Blogger - Designed by Johanes Djogan -